IDEAS home Printed from https://ideas.repec.org/p/par/dipeco/2006-ep06.html
   My bibliography  Save this paper

Privatization of local public utilities and institutional governance: the Enia case

Author

Listed:
  • G. Geroldi
  • M. Ziliotti

    ()

Abstract

A partire dalle novità normative introdotte dalla Legge Finanziaria 2002, si è registrata nel nostro Paese un’accelerazione dei processi di privatizzazione dei servizi pubblici locali (SPL), con più o meno radicali mutamenti nei modelli di governance e negli assetti proprietari delle aziende erogatrici. Si è infatti proceduto ad una quasi integrale 'societarizzazione' dei soggetti titolari delle gestioni ed, in alcuni casi, si è proseguito, assegnando ai privati partecipazioni minoritarie, per giungere – talvolta – alla quotazione in borsa. Come è noto, la teoria economica, a partire dal “teorema fondamentale” di Sappington e Stiglitz, ha analizzato la desiderabilità della privatizzazione, in termini di miglioramento del benessere sociale attraverso una configurazione industriale più efficiente (x-efficienza à la Leibenstein-Gravelle ed efficienza allocativa). Tuttavia, se da un lato la letteratura attribuisce tipicamente al termine privatizzazione il significato di cessione ai privati del controllo di un’azienda precedentemente in mano pubblica (privatizzazione sostanziale), dall’altro, nella realtà, si riscontrano molto di frequente fenomeni di privatizzazione solo “formale”. L’indagine svolta nel presente lavoro analizza il caso Enìa S.p.A., nata per la gestione dei SPL nelle province di Reggio Emilia, Parma e Piacenza, come un caso di adozione di una forma giuridica di carattere privatistico (trasformazione in S.p.A.) in luogo di una di stampo pubblicistico, senza che da questo mutamento, allo stato, sia disceso un passaggio del controllo da un soggetto pubblico ad uno privato. A tali fini, si è utilizzato un recente modello proposto da Weigel , basato su una analisi matriciale delle attività svolte, per settori di operatività (energia elettrica, gas, ambiente) e per fasi produttive (produzione vera e propria, erogazione, distribuzione), che è in grado di focalizzare taluni aspetti rilevanti nella complessità delle scelte operate dagli enti pubblici interessati, generata dalla necessità di sceglierein un insieme multidimensionale di opzioni, riguardante tutti gli elementi della matrice stessa. La conclusione a cui si è pervenuti evidenzia non solo l’attuale esclusione dei privati dalla partecipazione in Enìa, ma anche gli scarsi livelli di liberalizzazione (intesa come apertura alla concorrenza) che interessano in particolare i settori “non energy”. L’indagine svolta offre lo spunto per verificare le prospettive di futura evoluzione dell’assetto proprietario e di governance, non solo di Enìa S.p.A, ma in generale delle Multiutilities locali italiane. In tal senso, l’analisi del caso della società di servizi Enìa S.p.A. appare emblematica, sia rispetto alla evidenziazione di alcuni dei limiti più rilevanti del processo di privatizzazione avviato nel settore dei SPL dopo la finanziaria 2002, sia offrendo alcuni spunti circa le differenti direzioni e le procedure volte a sfruttare economie di scala e scopo (quotazione in mercati regolamentati e/o integrazione con altre Multiutilities).

Suggested Citation

  • G. Geroldi & M. Ziliotti, 2006. "Privatization of local public utilities and institutional governance: the Enia case," Economics Department Working Papers 2006-EP06, Department of Economics, Parma University (Italy).
  • Handle: RePEc:par:dipeco:2006-ep06
    as

    Download full text from publisher

    File URL: http://swrwebeco.econ.unipr.it/RePEc/pdf/I_2006-06.pdf
    Download Restriction: no

    More about this item

    Keywords

    Privatization; utilities; regulation;

    JEL classification:

    • H42 - Public Economics - - Publicly Provided Goods - - - Publicly Provided Private Goods
    • L51 - Industrial Organization - - Regulation and Industrial Policy - - - Economics of Regulation

    NEP fields

    This paper has been announced in the following NEP Reports:

    Statistics

    Access and download statistics

    Corrections

    All material on this site has been provided by the respective publishers and authors. You can help correct errors and omissions. When requesting a correction, please mention this item's handle: RePEc:par:dipeco:2006-ep06. See general information about how to correct material in RePEc.

    For technical questions regarding this item, or to correct its authors, title, abstract, bibliographic or download information, contact: (Andrea Lasagni) or (Rebekah McClure). General contact details of provider: http://edirc.repec.org/data/feparit.html .

    If you have authored this item and are not yet registered with RePEc, we encourage you to do it here. This allows to link your profile to this item. It also allows you to accept potential citations to this item that we are uncertain about.

    We have no references for this item. You can help adding them by using this form .

    If you know of missing items citing this one, you can help us creating those links by adding the relevant references in the same way as above, for each refering item. If you are a registered author of this item, you may also want to check the "citations" tab in your RePEc Author Service profile, as there may be some citations waiting for confirmation.

    Please note that corrections may take a couple of weeks to filter through the various RePEc services.

    IDEAS is a RePEc service hosted by the Research Division of the Federal Reserve Bank of St. Louis . RePEc uses bibliographic data supplied by the respective publishers.