IDEAS home Printed from https://ideas.repec.org/
MyIDEAS: Log in (now much improved!) to save this paper

La ricostruzione della spesa socio-sanitaria integrata nei distretti della Regione Emilia-Romagna nel 2010

Listed author(s):
  • Francesco Bertoni

    ()

  • Paolo Bosi

    ()

  • Marilena Lorenzini

    ()

Registered author(s):

    Obiettivo di questo report è "l'analisi dei problemi delle attuali rilevazioni finanziarie per la valutazione delle politiche sociali nel territorio dell'Emilia-Romagna; elaborazione di linee guida per la costruzione di un sistema integrato di rilevazioni finanziarie che superino tali difficolta; ricostruzione sulla base di tali linee-guida delle spese sociali nei vari comparti di intervento e per diversi livelli di governo nel territorio dell'Emilia-Romagna". Seguendo le indicazioni concordate nelle fasi di impostazione della ricerca, l'attenzione è concentrata sul comparto della spesa sociale e socio-sanitaria. La ragione di questa focalizzazione dell'interesse trova motivazioni da molteplici punti di vista. La spesa sociosanitaria è quella che richiede maggiori interventi sia sotto il profilo conoscitivo sia sotto quella degli assetti istituzionali piu atti a renderla efficace per la collettività. L'assetto normativo emerso dalla legge 42 del 2009 e dei successivi decreti non ha purtroppo sancito in modo chiaro il profilo e i confini di questa area di spesa, che a differenza di quella piu rilevante dal punto di vista quantitativo e politico, quella sanitaria, rischia di restare nel cono d'ombra da cui non e mai realmente uscita dall'approvazione della L.328 del 2000. Anche nelle realta, come quelle della Regione E-R, piu attente alle esigenze di realizzare un efficace integrazione dell'area socio-sanitaria , lo scarso aiuto in questa direzione fornito dalla normativa del processo di federalismo finisce per rallentare la messa in atto di strumenti di programmazione adeguati. Una ricognizione a livello regionale, funzionale a questi obiettivi, è quindi altamente auspicabile e puo fornire un contributo conoscitivo importante nel processo complesso di definizione dei livelli essenziali di questo tipo di prestazioni. Anche indipendentemente da considerazioni connesse al processo di federalismo in corso, la definizione di un quadro di rilevazioni appropriate della spesa socio-sanitario conserva una indiscutibile utilità, se esso consente di pervenire ad una definizione della spesa sociosanitaria più comprensiva di quella usualmente individuata nelle fonti statistiche nazionali e regionali. Tale integrazione, come si vedrà nel seguito, e particolarmente rilevante con riguardo a componenti di spesa sanitaria che sono complementari all'erogazione di servizi per persone non autosufficienti. In secondo luogo l'utilita di questa ricognizione appare particolarmente preziosa se essa è condotta al livello territoriale, il distretto, che ormai costituisce il punto di riferimento appropriato della politiche pubbliche. La conoscenza disaggregata per tipologia di servizi e per distretti della spesa puo infatti fornire le informazioni di base intorno alle quali costruire momenti piu innovativi e partecipati del monitoraggio della spesa stessa - operazioni cioe di benchmark - attraverso il coinvolgimento degli operatori responsabili a livello distrettuale nella valutazione delle ragioni che possono spiegare la variabilita della spesa stessa valutata possibilmente con riferimento ad appropriati sottoinsiemi di popolazione di riferimento. In terzo luogo una riflessione sulle caratteristiche del modello di welfare state della regione ER, il c.d. welfare-mix , in cui, pur nell'ambito di una forte regia pubblica, è ampiamente diffusa la partecipazione di molteplici attori nell'offerta dei servizi, induce a ritenere indispensabile, nella definizione delle rilevazioni di spesa e di offerta dei servizi, una distinzione tra soggetti che contribuiscono al finanziamento e soggetti che contribuiscono alla produzione dei servizi sociali.

    If you experience problems downloading a file, check if you have the proper application to view it first. In case of further problems read the IDEAS help page. Note that these files are not on the IDEAS site. Please be patient as the files may be large.

    File URL: http://155.185.68.2/campusone/web_dep/CappPaper/Capp_p101.pdf
    Download Restriction: no

    Paper provided by Universita di Modena e Reggio Emilia, Dipartimento di Economia "Marco Biagi" in its series Center for the Analysis of Public Policies (CAPP) with number 0101.

    as
    in new window

    Length: pages 43
    Date of creation: Feb 2013
    Handle: RePEc:mod:cappmo:0101
    Contact details of provider: Web page: http://www.capp.unimore.it

    More information through EDIRC

    No references listed on IDEAS
    You can help add them by filling out this form.

    This item is not listed on Wikipedia, on a reading list or among the top items on IDEAS.

    When requesting a correction, please mention this item's handle: RePEc:mod:cappmo:0101. See general information about how to correct material in RePEc.

    For technical questions regarding this item, or to correct its authors, title, abstract, bibliographic or download information, contact: (Sara Colombini)

    If you have authored this item and are not yet registered with RePEc, we encourage you to do it here. This allows to link your profile to this item. It also allows you to accept potential citations to this item that we are uncertain about.

    If references are entirely missing, you can add them using this form.

    If the full references list an item that is present in RePEc, but the system did not link to it, you can help with this form.

    If you know of missing items citing this one, you can help us creating those links by adding the relevant references in the same way as above, for each refering item. If you are a registered author of this item, you may also want to check the "citations" tab in your profile, as there may be some citations waiting for confirmation.

    Please note that corrections may take a couple of weeks to filter through the various RePEc services.

    This information is provided to you by IDEAS at the Research Division of the Federal Reserve Bank of St. Louis using RePEc data.