IDEAS home Printed from https://ideas.repec.org/a/mul/jhpfyn/doi10.1434-27738y2008i2p229-282.html
   My bibliography  Save this article

White Paper on Antitrust Damages Actions: the Years to Come

Author

Listed:
  • Enrico L. Camilli
  • Paolo Caprile
  • Roberto Pardolesi
  • Andrea Renda

Abstract

Il ruolo chiave che può svolgere l'attuazione privatistica della normativa a tutela della concorrenza innanzi alle singole corti nazionali (c.d. private enforcement), quale complemento del public enforcement, è stato largamente riconosciuto. Considerato l'attuale basso livello di probabilità che una condotta anticompetitiva sia scoperta e che le risorse a disposizione degli enforcers pubblici sono limitate, facilitare il ricorso al private enforcement può comportare due tipi di benefici: i) aumento del livello di giustizia correttiva - ovvero la concessione del risarcimento completo dei danni subiti ai soggetti maggiormente lesi dall'illecito antitrust- ii) aumento del livello di deterrenza - ovvero l'innalzamento della possibilità che gli autori delle condotte anticompetitive internalizzino completamente le esternalità negative causate alla società dai loro atti. Benché il doppio binario puro di tutela antitrust sia dunque a pieno titolo ius receptum all'interno dell'ordinamento giuridico nazionale e comunitario, oggi si continua a ravvisare un sostanziale sottosviluppo del private enforcement. Nel 2005 la Commissione Europea presentò un documento sulle azioni di risarcimento in materia antitrust (c.d. Libro verde), il cui scopo dichiarato era quello di rilevare quali fossero gli ostacoli alla crescita del private enforcement. Nel corso del 2007 è stata condotta dagli autori del presente articolo una specifica analisi dei costi e benefici derivanti dall'applicazione di alcune combinazioni di opzioni, così come proposte dalla Commissione. Il 3 aprile 2008, la Commissione Europea ha finalmente pubblicato un Libro Bianco, con il quale si raccomanda agli Stati membri l'implementazione di specifici strumenti legali e meccanismi procedurali in grado di facilitare lo sviluppo del private enforcement minimizzando i costi connessi a tale processo. In questo studio analizziamo le motivazioni principali sottese alle scelte di policy compiute dalla Commissione, fornendo spunti su alcune questioni interpretative e applicative che potrebbero presentarsi in futuro.

Suggested Citation

  • Enrico L. Camilli & Paolo Caprile & Roberto Pardolesi & Andrea Renda, 2008. "White Paper on Antitrust Damages Actions: the Years to Come," Mercato Concorrenza Regole, Società editrice il Mulino, issue 2, pages 229-282.
  • Handle: RePEc:mul:jhpfyn:doi:10.1434/27738:y:2008:i:2:p:229-282
    as

    Download full text from publisher

    File URL: https://www.rivisteweb.it/download/article/10.1434/27738
    Download Restriction: Access to full text is restricted to subscribers

    File URL: https://www.rivisteweb.it/doi/10.1434/27738
    Download Restriction: no

    As the access to this document is restricted, you may want to search for a different version of it.

    Corrections

    All material on this site has been provided by the respective publishers and authors. You can help correct errors and omissions. When requesting a correction, please mention this item's handle: RePEc:mul:jhpfyn:doi:10.1434/27738:y:2008:i:2:p:229-282. See general information about how to correct material in RePEc.

    For technical questions regarding this item, or to correct its authors, title, abstract, bibliographic or download information, contact: (). General contact details of provider: https://www.rivisteweb.it/ .

    If you have authored this item and are not yet registered with RePEc, we encourage you to do it here. This allows to link your profile to this item. It also allows you to accept potential citations to this item that we are uncertain about.

    We have no references for this item. You can help adding them by using this form .

    If you know of missing items citing this one, you can help us creating those links by adding the relevant references in the same way as above, for each refering item. If you are a registered author of this item, you may also want to check the "citations" tab in your RePEc Author Service profile, as there may be some citations waiting for confirmation.

    Please note that corrections may take a couple of weeks to filter through the various RePEc services.

    IDEAS is a RePEc service hosted by the Research Division of the Federal Reserve Bank of St. Louis . RePEc uses bibliographic data supplied by the respective publishers.